Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
Logo OrtopediaAzzurra
menu mobile
vai al carrello
La lombalgia   

 

Che cos'è?

La lombalgia (cioè il dolore alla colonna vertebrale, il complesso funzionale che fa da pilastro all'organismo umano) non è una malattia ma un sintomo di diverse patologie, aventi in comune la diffusione del dolore in regione lombare. È un disturbo estremamente frequente in età adulta. Può presentarsi in forma acuta, subacuta e cronica, con diversi gradi di disabilità.
Da numerosi studi è stato messo in evidenza che questa patologia vertebrale é in costante aumento e ciò sembra collegarsi con il cambiamento delle abitudini di vita che la moderna civiltà impone, con il maggiore sviluppo di professioni che costringono a posizioni obbligate per lunghe ore ed a condurre una vita sempre più sedentaria.

 

Curiosità: lombalgia in cifre

  • L'80% della popolazione ne soffre.
  • E' la prima causa di invalidità.
  • E' il secondo motivo di consultazione in medicina generale.
  • Parecchie migliaia di interruzioni di lavoro all'anno sono dovute alla lombalgia.
  • Profilo tipo del paziente lombalgico: uomo, 35/40 anni, attività professionale impegnativa.


Fattori di rischio:

  • professionale: errata postura, obblighi psico-sociali, insoddisfazione al lavoro, stress
  • anomalie del rachide: transizionali, scoliosi.

 

Segni e sintomi

Nella presentazione comune della lombalgia acuta, il dolore si sviluppa dopo movimenti che comprendono il sollevamento, la torsione o la flessione anteriore. I sintomi possono iniziare subito dopo tali movimenti o al risveglio alla mattina seguente.
La descrizione dei sintomi può variare da dolore in un particolare punto ad un dolore diffuso. La prima esperienza di lombalgia acuta avviene solitamente tra i 20 e i 40 anni. Insieme alla lombalgia possono verificarsi altri disturbi. La maggior parte degli individui con lombalgia cronica mostrano sintomi di depressione o di ansia.

 

Fisiopatologia

La regione lombare è costituita da cinque vertebre (L1 - L5).
Tra queste vertebre ci sono i dischi in fibrocartilagine che agiscono come cuscini impedendo alle vertebre di sfregare tra di loro e, allo stesso tempo, forniscono una protezione per il midollo spinale.

I nervi entrano ed escono dal midollo spinale attraverso specifiche aperture tra le vertebre.

La stabilità della colonna è garantita di legamenti e dai muscoli della schiena e dell'addome.

Piccole articolazioni chiamate faccette articolari limitano e dirigono il movimento della colonna vertebrale.

Un disco intervertebrale possiede un nucleo gelatinoso circondato da un anello fibroso. Nel suo normale stato indenne, la maggior parte del disco non è servito ne dal sistema circolatorio ne dal sistema nervoso, vasi sanguigni e nervi passano solo verso l'esterno del disco. Nella parte interna del disco vi sono cellule specializzate che possono sopravvivere senza fornitura diretta di sangue.
Nel corso del tempo, i dischi perdono flessibilità e capacità di assorbire le forze fisiche. Ciò comporta l'aumento di sollecitazioni sulle altre parti della colonna vertebrale, causandone l'irrigidimento. Come risultato, vi è meno spazio attraverso il quale il midollo spinale e le radici nervose possono passare. Quando un disco degenera a seguito di infortunio o malattia, la composizione di esso cambia: vasi sanguigni e nervi possono crescere al suo interno e/o una parte di esso può erniare comprimendo direttamente sulla radice del nervo. Uno di questi cambiamenti può essere responsabile del mal di schiena.

Per saperne di più visita la nostra pagina dedicata ai busti ortopedici e fasce lombari.





Prodotti associati all'articolo   
  • Supporto scapolare da applicare alla parte superiore del busto Dorsomed
  • Busto semirigido per uomo con spallacci SAT PR1 1335 Ro+ten
  • Busto rigido con spallacci Taylor Duo Tielle Camp
  • Busto per uomo semirigido alto con stecche rigide presagomate e tiranti elastici SAT PR1 1354 Ro+ten
  • Busto per donna semirigido con spallacci e tiranti elastici SAT PR1 1336 Ro+ten
  • Busto per donna semirigido alto con stecche rigide presagomate e tiranti elastici SAT PR1 1322 Ro+ten
  • Busto ortopedico lombo-sacrale con incrocio posteriore regolabile e 4 stecche Crossover 30 TLM
  • Busto ortopedico lombo-sacrale con incrocio posteriore regolabile e 4 stecche Crossover 26 TLM
  • Busto ortopedico lombare con steccaggio posteriore a V Lombogib Lady Dual
  • Busto ortopedico con stecche posteriori flessibili e chiusura anteriore Sporflex art. 5195 Manifattura Bernina
  • Busto lombosacrale basso con stecche modellabili e tiranti elastici Litecross90 PR1 1090 Ro+ten
  • Busto lombosacrale basso con rinforzi posteriori rigidi 432 Tielle Camp
  • Busto lombare rigido con stecche e sistema a fasce a V Action V Dual
  • Busto lombare in tessuto rigido con tiranti Lumbopull72 PR1 90072 Ro+ten
  • Busto lombare con stecche posteriori flessibili Ortelcross 4050 Thuasne
  • Busto lombare con steccaggio incorporato Lombogib Work Dual
  • Busto lombare con bretelle SP 722 W Tielle Camp
  • Busto dorso-lombare con stecche posteriori 647 TLM
  • Busto dorso-lombare con doppia chiusura a strappo e 4 stecche posteriori Action H35 Dual
  • Cintura Supportflex cm 27 o cm 32 Dr. Gibaud
  • Cintura normale cm 27 o cm 32 Dr. Gibaud
  • Cintura leggera cm 24 Dr. Gibaud
  • Plantare ortopedico ammortizzante con barra Podifer50 Ro+ten
Serve aiuto?   
Personale qualificato con licenza di abilitazione all'esercizio dell'arte ausiliaria delle professioni sanitarie di meccanico ortopedico ed ernista, rilasciato in Italia.
Pagamenti sicuri   
Marchi di accettazione PayPal
Ortopedia Porzio Srl, - P. IVA 00311860308
REA 132475 | REG. IMPRESE 00311860308 | CAP. SOC. 125.264,00 €

edodo